Ulivo e olio di oliva nell'antichità

Vota questo articolo
(12 Voti)

olio oliva evo storia

 

L'olio di oliva, ottenuto dalla macina del frutto dell'ulivo, è uno dei prodotti alimentari più preziosi sin dall'antichità.

Infatti, anche se era considerato "cibo nutriente" e veniva utilizzato sia come condimento per gli impasti che per realizzare semplici focacce, l'olio ottenuto dalla spremitura del frutto dell'ulivo (olio d'oliva) ha una ben precisa funzione sacra e religiosa.

La Bibbia definisce l'olio di oliva come un "unguento profumato".

Per esempio, veniva usato nell'investitura regale: ungere il capo di olio significava dare il titolo di re.

Ancora oggi è famosa l'espressione: "Unto del Signore".

Unto del Signore significato Dizionario italiano De Mauro

Prima di diventare re di Israele, Davide viene unto di olio e, successivamente, si esprime così: "Davanti a me tu prepari una mensa sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo".

ungere il capo di olio

 

Il senso di questa espressione nasceva per motivi pratici, perché l'olio ha funzione protettiva da parassiti e insetti.

"Ci sono cespugli che si aggrovigliano nelle teste delle pecore e questi vogliono liberarsi da loro fino alla morte. Ci sono mosche che tormentano le pecore mettendo le uova nel loro naso che si trasformano in larve e portano le pecore a colpire la testa contro le rocce cercando di liberarsene, il che spesso li porta a morire. Le loro orecchie e gli occhi sono anche suscettibili agli insetti che li tormentano. Ecco perché il pastore unge la sua intera testa con olio. Per dargli pace: quell'olio forma una barriera di protezione contro i mali che attaccano le pecore."

Non avere più olio per ungere il proprio corpo era considerata una maledizione: “Avrai oliveti in tutta la tua terra, ma non ti ungerai di olio, perché le tue olive cadranno immature”.

L'unguento profumato non viene utilizzato solo dalle donne, ma anche dagli uomini.

Nel Cantico dei Cantici, la sposa dice al suo amato: “Inebrianti sono i tuoi profumi per la fragranza, aroma che si spande è il tuo nome

Il buon nome, quindi il proprio onore, è paragonato all'olio: “Un buon nome è preferibile all'unguento profumato".

La terra promessa è terra di vigne e oliveti: una terra definita dalla Bibbia come “terra di frumento, di orzo, di viti, di fichi e di melograni; terra di ulivi, di olio e di miele”.

L’ulivo, al pari della vite, è un’immagine che ricorre continuamente nella Bibbia.

Si spanderanno i suoi germogli e avrà la bellezza dell'olivo”.

Chi confida nella fedeltà di Dio è “come olivo verdeggiante”.

I figli di Israele sono “virgulti d’olivo intorno alla tua mensa” .

La sapienza cresce come un “ulivo maestoso nella pianura”.

Scopri di più sulla pianta e sul frutto dell'ulivo. 

Letto 393 volte

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

RICHIEDI INFORMAZIONI
I campi contrassegnati con * sono obbligatori